Home > Articoli > Web > SEO: che cos’è e come funziona



SEO: che cos’è e come funziona


Autore: Massimo Bargnesi
Sito web: www.massimobargnesi.it
Ultimo aggiornamento: Giugno 2017


SEO

Quante volte hai sentito nominare o letto la parola SEO (in realtà si tratta di un acronimo e sta per Search Engine Optimization) ma non hai mai capito di cosa si trattasse? Ebbene in questo articolo cercherò di rispondere a tutte le tue domande.
Il SEO è l’attività finalizzata a rafforzare il posizionamento, e quindi la visibilità, di un sito internet nella SERP (l’insieme dei risultati visibili su un motore di ricerca come Google‚ ad esempio‚ a seguito dell’inserimento di alcune parole chiave) organica (cioè non a pagamento). Si attua ottimizzando il codice (fattori on-page) ed attuando altre strategie (fattori off-page).


Quando ottimizzo una pagina web devo pormi la domanda seguente: «Con quale parola chiave o frase chiave l’utente cercherà ciò che gli interessa?».
Al fine di avere maggiori possibilità di essere trovato ottimizzerò ogni pagina del mio sito Intenet per una chiave diversa‚ ad es. l’home page con «fiori»‚ un’altra pagina con «rosa canina orto botanico Roma»‚ una terza con «glicine»‚ ecc. Se vuoi farti una rapida idea sulle parole o frasi correlate‚ da affiancare nella tua pagina Internet alla parola o frase chiave scelta‚ puoi cercare una keyword/keyphrase (rispettivamente parola chiave e frase chiave in inglese) su Google ed in basso leggere: Ricerche correlate a keyword/keyphrase. Google Trends‚ poi‚ permette di scoprire temi e parole chiave più ricercate in tempo reale per nazione e categoria.


Gli elementi utili a determinare il posizionamento nella SERP organica sono influenzati sostanzialmente da fattori:

  • On-page (o on-site)‚ cioè interni alle pagine:
    • • Ottimizzazione:
      • • del codice
      • • del testo che deve essere: ricco‚ pertinente‚ unico (attenzione anche a non duplicare i propri contenuti‚ http://copyscape.com trova contenuti duplicati)‚ aggiornato (ripubblica almeno la pagina)‚ utile all’utente (i motori di ricerca “capiscono il significato” di una pagina e attribuiscono un punteggio di qualità e pertinenza rispetto alle query – la pratica di interrogare un database da parte di un utente‚ al fine di estrarre o aggiornare i dati necessari a soddisfare un certo criterio di ricerca – digitata da chi ricerca un argomento; bisogna immedesimarsi nell’utente).
      • • delle immagini
      • • della struttura
  • Off–page (o off–site) cioè esterni alle pagine‚ come ottenere un buon numero di link (backlink) da siti il più possibile pertinenti e autorevoli:
    • • Le tecniche di link building finalizzate a ricevere link in ingresso sono fondamentali per i motori di ricerca quando giudicano l’autorevolezza di un sito Internet.


Ma un buon posizionamento dipende anche da altri elementi quali:

  • affidabilità e velocità dell’hosting (il servizio grazie al quale ognuno può pubblicare su Internet la pagina o le pagine web del proprio sito)
  • anzianità del dominio (domini con più di 5 anni sono ritenuti più affidabili da Google)
  • comportamento degli utenti sul sito (tempo di permanenza‚ numero di pagine visitate‚ condivisione del sito web sui social)

Un sito Internet risulta ben posizionato quando appare nei primi risultati della SERP (quasi il 100% degli utenti non va oltre le prime 2 pagine di ricerca‚ circa il 90% resta nella prima). Poiché le regole di ottimizzazione cambiano nel tempo e i motori di ricerca non ragionano tutti allo stesso modo‚ risulta indispensabile tenersi aggiornati!


Articolo in pdf‚ 45‚9 Kb